L'Associazione Civica Villini Santa Maria chiede da tempo, anni, due cose:

  • Le fogne per il settore l'ultima lettera  spedita ai nostri Amministratori nonche all'Acea - Ricordiamo a tutti coloro che se ne stanno dimenticando della mozione votata all'unanimità (124.32 kB) a luglio 2010
  • Mettere in sicurezza Via Formia, via pericolosa e super trafficata

Ovviamente senza nessuna risposta dalla Amministrazione

Opposizione stralcio Compensazione

Opposizione allo stralcio del progetto di compensazione Metro C Stazione Teano

 

la Norma-Portici (441.08 kB)con la firme_petizione (2.75 MB)

 

I residenti dell’area di via Formia, via Terracina, via Cori, via Minturno, via Sezze, via Norma, via labico, da sempre soffrono della mancanza di una viabilità pedonale sicura verso le aree dove sono presenti i servizi essenziali: alimentari, farmacie, servizi pubblici in generale.

 

Si aggiunge a quanto sopra la mancanza di un qualsiasi servizio pubblico di mobilità che colleghi la zona a via acqua bullicante o a via partenope od alla Metro C.

 

Le strade di collegamento, via labico e via teano sono senza addirittura marciapiedi, l’unica con dei marciapiedi, ma stretti ed inutilizzabili con un passeggino od una carrozzina é via Formia.

 

In questa situazione ed in assenza di un qualsiasi progetto alternativo di mobilità per l’area, i residenti si oppongono alla cancellazione del progetto di apertura della strada di via Norma verso via Portici, progetto già finanziato nell’ambito dei lavori della Metro C, progetto che permetterebbe la resa a senso unico di via Formia e l’ampliamento di un marciapiede secondo standard di sicurezza.

 

I residenti da anni aspettano una riqualificazione della zona e nel particolare un miglioramento della mobilità pedonale e ciclabile, proprio l’apertura dello sbocco di via norma su via Roberto Malatesta permetterebbe lo scorrimento con due sensi unici di via Formia e della nuova via permettendo la creazione di uno sbocco verso il parcheggio della MetroC, di una ciclabile magari su un bel marciapiede in sicurezza.

 

Ci appare inspiegabile il costo plurimilionario di 380 metri di strada a giustificazione e motivazione della cancellazione del progetto, siamo pronti a valutare ogni soluzione che permetta all’amministrazione di risparmiare denaro pubblico coniugando questo con i servizi che l’area aspetta da decenni.

 

Seppure convinti della semplicità, immediatezza e bontà della soluzione che prevede l’apertura di una nuova piccola strada valuteremo l’eventuale opera dell’Agenzia della Mobilità quando dovesse proporre soluzioni alternative.

Cedimento via Sezze 1996 1di 2

Cedimento via Sezze 1996 2 di 2