Conosci il Comprensorio ?

a seguire mostreremo un po di foto del comprensorio, di quei posti che nella quotidianità non sono apprezzati e spesso nascosti alla vista del residente, a breve realizzeremo una raccolta fotografica indicando dove é stata fatta la foto.... magari proprio dietro la vostra casa, ma non ci avevate mai fatto caso :).  Galleria

WWF 2012 per il Comprensorio

Nella seduta del 22 dicembre 2012, il Consiglio Regionale del Wwf Lazio ha approvato il dossier sul comprensorio “ad duas lauros” (314.44 kB)  (aree verdi del VI Municipio e dintorni) elaborato dal Wwf pigneto-prenestino. In una successiva seduta, il dossier sarà inserito nella programmazione annuale del Wwf Lazio. Si tratta di un importante riconoscimento al lavoro svolto dal Wwf pigneto-prenestino e, soprattutto, di un importante segnale di attenzione al nostro territorio.

COLOMBARIO ROMANO SOFFOCATO DAGLI ABUSI

Siamo stati avvertiti da un cittadino del quartiere di Tor Pignattara che all'interno ad una delle proprietà collegabili all'Ospedale Vannini è presente un Colombario Romano (e molto probabilmente un vero e proprio mausoleo) sconosciuto alle sovrintendenze che sta soffocando sotto una continua azione di costruzione di manufatti quasi sicuramente abusivi.
 
Il reperto – di grandissimo interesse – insiste in un'area che sappiamo essere ricchissima di reperti. Son impresse nella memoria di molti cittadini le immagini della Villa Romana trovata sotto via Capua. La cosa interessante del manufatto che si trova proprio alle spalle di Via Capua, fra Via Labico e Via Arce, e quindi probabilmente fa corpo unico con quanto già ritrovato e ricoperto per terminare i lavori stradali.
 
I cittadini dell'area hanno allertato sia i vigili urbani sia la sovrintendenza capitolina. I primi hanno intimato la conclusione dei lavori in atto che sono stati rimossi (lasciando "vivo" il solo massetto). Mentro l'ultima ha riconosciuto da un lato la situazione di mancato rispetto delle prescritte norma di tutela del bene, dall'altra la completa ignoranza dell'esistenza del bene che va ad innestarsi nell'ormai continua produzione di testimonianza archeologica di questo territorio.
 
L'area, fra l'altro, rientra a pieno titolo nella perimetrazione del PTPR e quindi risulta singolare che sull'area si stiano allegramente costruendo manufatti su manufatti. Dove sono le autorizzazioni prescritte per simili operazioni. Inoltre, come lamentano i cittadini, c'è in atto un'operazione a dir poco "predatoria" degli spazi dell'area che invece di essere tutelati, messi in sicurezza e valorizzati, vengono trattati in modo proprietario. 
Eclatante il caso di Via Arce che da strada privata è stata "declassata" arbitrariamente a strada comunale semplicemente con l'eliminazione della segnaletica e dei dissuasori d'accesso. Come altrettanto eclatante il "ponte" sospeso dove passano cavi di alta tensione costruito nell'arco di un mattino senza alcuna indicazione di sorta (cartello inizio lavori etc.)
 
Ci sono state raccontate molte altre cose e riteniamo sia necessario un urgente incontro presso il Municipio per capire quali progetti sono in atto e censire i manufatti chiaramente abusivi o costruiti in spregio della normativa in essere.
 
Ricordiamo a tutti i cittadini di Tor Pignattara che – nonostante il goffo tentativo di ricorso al TAR del 2006 – è un area archeologica e l'edificazione (anche in proprietà privata) deve seguire precise procedure che qui appaiono ampiamente ignorate.

Un Paese al Cemento - Paolo Berdini

da Il Manifesto del 28 aprile 2012

Metà della ricchezza italica è fatta di mattone. Ma i prezzi reggono solo grazie a un sistema bancario che non potrebbe tenere la svalutazione delle ipoteche Un miliardo di metri cubi costruito negli ultimi dieci anni: outlet, ipermercati e abitazioni che spesso rimangono vuote. Cresce il numero delle case sfitte, mentre sempre più persone sono costrette a vivere in roulotte e baracche Leggi tutto